Mafie: in migliaia in piazza ad Alghero

"Non provateci, questo territorio è nostro, questo Paese è nostro, siete nel momento sbagliato al posto sbagliato, e tutti i ragazzi d'Italia sono testimoni di questo grande no alle mafie". Gianpiero Farru, presidente di Libera Sardegna, lancia il grido di battaglia della Sardegna. Un messaggio forte e chiaro, che parte da Alghero e si unisce al coro delle altre venti piazze che ospitano le manifestazioni regionali promosse da Libera, l'associazione fondata da don Luigi Ciotti, in occasione della 23/a "Giornata della Memoria e dell'Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie". Il clou è a Foggia, sede dell'evento nazionale, dove interviene anche don Ciotti. La Sardegna, per un'occasione speciale in cui l'evento diventa festa nazionale, sceglie la Riviera del corallo. "Questa città a vocazione turistica è simbolo della Sardegna nel mondo e da questa città pulita vogliamo lanciare il messaggio che ha il volto bello e pulito di questa piazza, di tutti questi giovani", grida Farru dal palco di piazza Sulis di fronte a migliaia di persone, per lo più studenti, arrivati da ogni parte dell'isola. Libera, le istituzioni e il "pianeta scuola" hanno lavorato sodo in queste settimane per preparare i ragazzi, per coinvolgerli in un evento "che serve per non dimenticare e che simbolicamente viene celebrato il 21 marzo, una data di speranza e di cambiamento, come la primavera", come dice Claudia Loi, la sorella della poliziotta Emanuela Loi, uccisa dalla mafia il 19 luglio 1992 a Palermo, nella strage di via D'Amelio, in cui perse la vita il giudice Paolo Borsellino.(ANSA).

Altre notizie

Notizie più lette

  1. Sardegna News
  2. SardegnaLive
  3. Sardegna News
  4. Sardegna News

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Flussio

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...